In Gratitude: Giorgio Campagnano z"l

1929-2014

Past Chairman, KH Rome

 

                                                                                                 ​sdk.png
                                                                                          Leggere in italiano

The world family of Keren Hayesod wishes to dedicate a moment of silence and reflection to mark the first anniversary of the death of Giorgio Campagnano z''l, one of Keren Hayesod Italy's most devoted leaders and activists as well as President of the KH Campaign in Rome from 1977 until 1982.  For decades, Giorgio Campagnano served Keren Hayesod with exemplary energy and dedication on all fronts, organizing major solidarity campaigns with Israel and vigorously rebutting those who questioned the raison d’être of the Jewish state.
Particularly memorable is the special collection of gold that he initiated for the Emergency Campaign in 1973, during the Yom Kippur War. Roman Jews were asked to donate fifty kilos of gold for their Israeli brothers, repeating what the community had done  thirty years earlier, in 1943, in a futile attempt to save themselves from the ferocious Nazi brutality. Over one hundred kilos of gold was collected.
In tribute to Giorgio’s memory, we are publishing an excerpt from one of his most powerful compositions, an open letter addressed "to a Leftist friend, from a Leftist Jew".  The full text was published by his son Enrico, himself an important KH Italy leader, in the magazine Shalom" in October 2014 (http://www.shalom.it/_flip/2014_10/web.pdf , pages 40 -41).

"I am Jewish, from a secular and highly assimilated family; the events and the course of life led me to reclaim my Jewish identity.  I live it without arrogance and without fanaticism, as a cultural and religious heritage, but also a moral heritage, which I believe belongs to the most intimate and private spheres of everyone’s personal faith. Starting with equal rights, I came to a firm belief in the right to be different in a free society - at least as the bearer of a cultural and historical heritage, which is not inferior, that fuses with others to form an evolved and complete culture.  What I mean is that the culture of a society must be the product of various alternative or subordinate cultures that nourish it, and that whoever is the bearer of such a subculture has the duty to preserve it, not out of narrowness, but to enable it to become the heritage of all. Think, for example, about the Neapolitan culture.

qw.png

Giorgio Campagnano and his wife Paola at the Suez canal, beginning of the '70


 As a young man, I was strongly anti-Zionist - and I was wrong – but over time I learned to appreciate, to enjoy, to love the State of Israel.  It seemed to me that sympathy for the movement to create an independent Jewish state was in conflict with the struggle sustained over years of oppression to achieve full rights and duties for every citizen, as well as with the socialist faith, in a new, open and free world.  A world without borders. 
When I was a boy, during the World War II, while we were hiding we would listen to the Allied radio broadcasts, the voices of the free world, every evening.  These included Radio Moscow.  It opened with “The International" and with the rallying cry, “Workers of the world, unite!”.  And later on, we heard the exciting news about the Red Army's successes.  You understand me, right?  Forget about [the student revolt in the West in] 1968.  How could a young man not get excited?  And then, the post-war period: the hopes, dreams and illusions.  And the sinking of those hopes, dreams and illusions.  The return of the civic committees' Catholic radicalism, of the far-Right movements.  The race between opponents during the Cold War to rehabilitate the monsters responsible for the Holocaust.

Yes. The Holocaust.  Actually, the Shoah. We learned about it from the first books on the subject, the witnesses, a friend who was returning from the hell of the concentration camps.  The many who survived and were going to rebuild a home, a place to work, to live and to love and to re-establish a “normal” life.  Spielberg has a Russian officer who is speaking to Schindler's escapees say: “Do not go East: they hate you!  Do not go West either: they despise you”.  How true, and, sadly, how relevant these days. . . .  
 The normalization of the Jewish people in a secure and recognized state is unconsciously unacceptable to a certain culture that still poisons minds and consciences.  Poses old problems.  Doubts established truths.  Argues about irrefutable events.  It causes cracks in long-held dogmas.  It creates, in short, discomfort and concern.  Thus, it is intolerable. . . .
If Israel were risking a mortal danger - and it is - Europe, the Great Common House, would not lift a finger.  If, God forbid, another tragedy were to strike the Jewish people - and it is clear that it would not be a tragedy only for the Jewish people - many people, famous or less famous, would unquestionably abandon themselves to extravagant and moving celebrations.  And no doubt with genuine emotion.  And they are those who now harshly point their finger at Israel. At this point I cannot help but remember what Golda Meir said: “Better alive and criticized than dead and mourned”.  
I am the youngest son of the youngest son of a parade of twelve brothers and sisters. My father was born in 1894 (and spent seven years in the army, three of them serving Italy in the Great War – for which he was rewarded in 1938 the way you know); my grandfather was born in 1844 and lived when “The Ceremony of the Kick” during the Roman Carnival was still the custom.  The representatives of the Jewish community, led by the president, would go to the capitol to get the kick in the rear from the "younger brothers" - represented by the Cardinal Vicar - amidst the applauding and screaming crowd.  Yes, because the Roman Carnival focused for centuries on the ridicule and persecution (physical, too) of Jews. 
In three generations - three stages: emancipation, assimilation, the reclamation of an ancient and noble identity.  Thus, think about what I feel, recalling these events, by setting foot on the soil of the free State of Israel.  Seeing its universities, its research centers, its auditoriums and its kibbutzim, its institutions, the good things and the  less good ones.  And its discussions, its debates, its diverse wealth of knowledge imported from all of the world's cultures.  And how I feel - me, culturally and psychologically Italian, actually “Roman” to the core, to be welcomed amongst its people.  Yes, the people.  The people of Israel.  They are, or have come, from all over the world.  Jews and improbable Jews, Sephardim and Ashkenazim, Orthodox and socialist, secular Zionists and religious Zionists, nationalists and cosmopolitans.  Everything is questioned, everything is acclaimed on one the one hand and criticized on the other.  It’s the only place on earth where you can say everything and its very opposite without anyone thinking or saying: “He speaks like that because he is Jewish”.  Each person incorporates a novel within him. Amongst them I have many friends and acquaintances; they are neither better nor worse than the Italians or the French or the Greeks. But, believe me, they are the antithesis of any military or oratorical ambitions.  Every one of them has a desperate need for peace and normality."
 500.png

Giorgio Campagnano at a KH Campaign opening event, with his son Enrico (left) and famous journalist and essayist Arrigo Levi (right)

 

We thank Giorgio’s son, Enrico, and his sister, Patrizia, who are themselves closely linked to Keren Hayesod, for the help they have given in writing this tribute.
May his memory be blessed and his life serve as an example to all.  

Translation: Ciro Mazzola and Shifra Paikin

 

  

ffffffffffffff.png

Giorgio Campagnano z''l
1929-2014
Fu presidente di KH Roma

 

La famiglia mondiale del Keren Hayesod desidera marcare con un momento di raccoglimento e omaggio il primo anniversario della scomparsa di Giorgio Campagnano z''l, il quale fu uno dei piu' devoti leader e attivisti del Keren Hayesod in Italia e Presidente della Campagna di Roma dal 1977 al 1982.  Sempre in prima linea, Giorgio Campagnano ha agito per decenni su tutti i fronti con un'energia e devozione esemplari, animando, per il Keren Hayesod, importanti campagne di solidarieta' con Israele e sempre argomentando contro coloro che si rifiutavano di comprendere la causa e le ragioni dello Stato ebraico.
Memorabile rimane  la raccolta speciale dell'oro  organizzata per la Campagna di Emergenza del 1973, durante la "guerra del Kippur": si chiese  agli ebrei Romani di donare cinquanta chili d'oro a favore dei propri fratelli israeliani,  dopo che  trent'anni prima, nel 1943, lo  fecero per tentare inutilmente di salvare se stessi dalla ferocia nazista.
La raccolta si concluse con piu’ di cento chili d’oro.
 
In omaggio alla sua memoria, pubblichiamo un estratto di uno dei suoi testi più incisivi, una lettera aperta destinata "ad un amico di sinistra, da un Ebreo di sinistra".  Il testo integrale è stato pubblicato dal figlio Enrico, lui stesso importante leader del KH Italia, nella rivista "Shalom" nell'ottobre 2014
http://www.shalom.it/_flip/2014_10/web.pdf , pagine 40-41).
 
"Sono ebreo, di famiglia laica e fortemente assimilata; gli eventi ed il corso della vita mi hanno indotto a riappropriarmi della mia identità ebraica. Che vivo senza arroganza e senza fanatismo, come un retaggio culturale e religioso, ma anche morale e che ritengo, per tutti, debba appartenere alla sfera più intima e riservata delle convinzioni personali. Partendo dal diritto di essere uguale sono arrivato alla convinzione ferma del diritto ad essere diverso in una Società libera. Quantomeno come depositario di un patrimonio storico culturale, non secondario, che insieme ad altri concorrono a formare una cultura evoluta e completa. Intendo dire che la cultura di una società deve essere il prodotto delle varie culture alternative o subalterne che tendono ad alimentarne il contenuto, e che quindi chi è depositario di una, ha il dovere di conservarla, non per grettezza ma perché questa diventi patrimonio di tutti. Pensi per esempio alla napoletanità. 
 qw.png
Giorgio Campagnano e sua moglie Paola sul Canale di Suez, inizio anni '70
 
Da giovane fortemente antisionista - e mi sbagliavo -, col tempo ho imparato ad apprezzare, ad ammirare, ad amare lo Stato dì Israele. Mi sembrava che la simpatia per un movimento teso a creare un libero Stato ebraico, fosse in contraddizione con la lotta sostenuta negli anni dell’oppressione per riacquistare la pienezza dei diritti e dei doveri di ogni cittadino. E poi le convinzioni socialiste di un mondo nuovo, aperto, libero. Un mondo senza frontiere.  Da ragazzo, durante la guerra, durante la clandestinità, ascoltavamo ogni sera le radio alleate, le voci del mondo libero. Tra queste Radio Mosca. Apriva con l’Internazionale e con il motto “Proletari di tutto il mondo, unitevi!”. E dopo, le notizie entusiasmanti dei successi dell’armata rossa. Lei mi capisce vero? Altro che il ’68. Come poteva un ragazzo non infiammarsi? E poi, il dopoguerra: le speranze, i sogni, le illusioni. Ed il naufragio delle speranze, dei sogni e delle illusioni. Il ritorno del radicalismo cattolico dei comitati civici, dei movimenti di estrema destra. La corsa degli opposti schieramenti, durante la guerra fredda, per riabilitare i mostri responsabili dell’Olocausto.
 
Già. L’Olocausto. Anzi, la Shoà. I primi libri sull’argomento, i testimoni, qualche amico che tornava dall’inferno dei lager. I tanti che passavano per andare a ricreare un focolare, un posto dove poter lavorare, poter vivere, potere amare, poter rifondare una vita “normale”. Spielberg fa dire da un ufficiale russo agli scampati di Schindler: “non andate ad Oriente: vi odiano! Ma neanche in Occidente: vi detestano”. Com’è vero, e come è tristemente attuale.(…) La normalizzazione del popolo ebraico in uno Stato sicuro e riconosciuto è un evento inconsciamente inaccettabile per una certa cultura che ancora avvelena gli animi e le coscienze. Ripropone antichi problemi. Scardina verità consolidate. Ridiscute eventi inconfutabili. Determina crepe in edifici millenari. Crea, insomma, disagio e preoccupazione. E quindi è intollerabile. (…) Se Israele corresse un pericolo mortale - e lo sta correndo - l’Europa, la Grande Casa Comune, non alzerebbe un dito. Se, Dio non voglia, un'altra tragedia dovesse investire il popolo ebraico, ed è chiaro che tale non sarebbe soltanto per il popolo ebraico, di certo tanti personaggi, illustri o meno illustri, si lascerebbero andare ad indimenticabili toccanti celebrazioni. E probabilmente con commozione autentica. E sono gli stessi che oggi puntano il dito con accigliata severità. A questo punto non posso fare altro che ricordare quanto disse Golda Meir: “Meglio vivi e criticati che morti e compianti". Io sono il figlio più piccolo del figlio più piccolo di una sfilata di dodici tra fratelli e sorelle: mio padre era del 1894 (e quindi si è fatto sette anni di naja, tre dei quali servendo l’Italia nella Grande Guerra - ripagati nel ‘38 come Lei sa); mio nonno era del 1844 ed ha vissuto quando era ancora in uso, durante il Carnevale romano, la cerimonia del calcio: quando gli esponenti della Università Israelitica (così si chiamava allora la Comunità ebraica), Presidente in testa, andavano in Campidoglio a ricevere la pedata al posteriore comminata dai “fratelli minori” rappresentati dal Cardinale Vicario, tra i lazzi della folla urlante. Si, perché per secoli, il Carnevale romano fu incentrato sul dileggio e la persecuzione, anche fisica, degli ebrei.
 500.png
Giorgio Campagnano ad una serata di apertura di Campagna del KH, con il figlio Enrico (sinistra) e Arrigo Levi, famoso giornalista e saggista (a destra)
 
Quindi, in tre generazioni, tre momenti: l’emancipazione, l’assimilazione, la riappropriazione di una antica, nobile identità. Pensi quindi a cosa io debba provare, ricordando questi eventi, dopo appena due generazioni, nel mettere piede sul suolo del libero Stato d’Israele. Nel vedere le sue Università, i suoi centri di ricerca, i suoi auditorium, i suoi kibbutzim, le sue fondazioni, le cose belle e quelle meno belle. E le sue discussioni, i suoi dibattiti, il suo variegato patrimonio di conoscenze, importate da tutte le culture del mondo. E la sensazione - io, culturalmente, psicologicamente italiano, anzi: “romano” nelle fondamenta, di essere accolto come benvenuto fra la sua gente. Già, la gente. La gente di Israele. Vengono, o sono venuti, da ogni parte del mondo. Ebrei e finti ebrei, sefarditi ed ashkenaziti, ortodossi e socialisti, di sionismo laico e di sionismo religioso, nazionalisti o cosmopoliti. Tutto messo in discussione, tutto esaltato da una parte e criticato dall’altra. L’unico posto al mondo dove si può dire tutto ed il contrario di tutto, senza che qualcuno pensi o dica: “Parla così perché è ebreo”. Ciascuno è un romanzo. Tra loro ho molti amici e conoscenti; non sono né migliori né peggiori degli italiani o dei francesi o dei greci. Ma, mi creda, sono l’antitesi di ogni velleità retorica o militare. In tutti c’è un disperato bisogno di pace e normalità".
 
Grazie ai suoi figli, Enrico e sua sorella Patrizia, loro stessi intimamente legati al Keren Hayesod, per l'aiuto che hanno dato nella stesura di questo omaggio.
Possa la sua memoria essere benedetta e la sua vita servire da esempio a tutti.
 
Traduzione: Ciro Mazzola